HAI PAURA DEI LADRI? ECCO COME RENDERE SICURA AL 100 % CASA TUA, ANCHE SE I FURTI IN ABITAZIONE SONO IN AUMENTO.

Chiunque ha subito un furto o teme di poterlo subire può evitare conseguenze drammatiche e deve sapere come difenderti dai ladri.

Scarica gratis un PDF con 20 consigli utili
per proteggere la tua Casa!

Ho appena letto su “Torino Oggi”, (www.torinoggi.it) che secondo l’Istat, nel capoluogo piemontese si è registrato un incremento della criminalità (+54% rispetto al 2010), in particolare per quanto riguarda i furti in appartamento.

Per esperienza so che non è una bella sensazione vedere al tuo rientro a casa tutto in disordine, capire che i ladri hanno violentato la tua abitazione, ti hanno portato via tutto e nella più completa desolazione realizzi che se solo avessi installato un sistema di sicurezza adeguatamente classificato avresti potuto evitare il furto.

Leggi attentamente questo articolo poiché ti spiegherò come ottenere la sicurezza in casa tua ed evitare di fare la fine della rana bollita. Non conosci questa storia? Te la racconterò più tardi.

I furti sono 689 al giorno, 29 ogni ora, uno ogni due minuti. È questo il bilancio allarmante del numero di furti in abitazione commessi nell’ultimo anno in Italia: a Torino, poi, il numero di denunce è quasi il doppio rispetto alla media del Paese. Nel 2014 sono state 16.500.

Secondo l’Istat, nel capoluogo piemontese si è registrato un incremento della criminalità (+54% rispetto al 2010), in particolare per quanto riguarda i furti in appartamento.

Insomma, in casa non solo non si può più stare tranquilli, ma pare sia uno dei luoghi meno sicuri dove stare. E i torinesi lo sanno. Secondo i dati dell’ultima ricerca effettuata dall’Osservatorio di Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia, quasi un torinese su due teme un’intrusione nella propria casa durante la notte, che possa provocare un furto o un’aggressione (42%).

La minaccia che i torinesi temono di più a seguito di un’intrusione in casa non è tanto il danno economico per la perdita di beni e oggetti preziosi (20%) o la perdita di beni affettivi (44%), quanto giustamente il rischio di subire un’aggressione, che mette in allarme ben il 72% degli intervistati.

Il dato curioso che emerge dalla ricerca è quanto l’era digitale abbia spostato l’interesse dei torinesi: contrariamente a quanto si può pensare, infatti, non sono più legati a beni materiali e affettivi, come poteva essere prima dell’arrivo della tecnologia. Se il furto di preziosi angoscia il 42% degli intervistati così come il furto di denaro (un altro 42%), ciò che più i torinesi temono oggi è il furto di dispositivi tecnologici, come il cellulare o il pc (50%).

Scarica gratis un PDF con 20 consigli utili per proteggere la tua Casa!

”Non potrai sentirti sicuro prima di aver controllato questi dati”

Prime dieci province per numero di furti negli esercizi commerciali nel 2015 e variazione % rispetto al 2014:

Milano da 12.221 nel 2014 a 11.371 nel 2015 -7,0%
Roma da 9.293 nel 2014 a 9.226 nel 2015  -0,7%
Torino da 5.848 nel 2014 a 5.212 nel 2015  -10,9%
Bologna da 3.962 nel 2014 a 4.042 nel 2015  2,0%
Firenze da 2.819 nel 2014 a 2.950 nel 2015  4,6%
Napoli da 2.727 nel 2014 a 2.881 nel 2015  5,6%
Brescia da 2.709 nel 2014 a 2.460 nel 2015  -9,2%
Venezia da 2.318 nel 2014 a 2.044 nel 2015  -11,8%
Padova da 2.326 nel 2014 a 1.974 nel 2015 -15,1%
Genova da 2.011 nel 2014 a 1.912 nel 2015 -4,9%

Fonte: Ministero dell’Interno

Conosci il principio della rana bollita? 

Il principio della rana bollita, utilizzato dal filosofo americano Noam Chomsky, che fa riferimento alla società, ai popoli che accettando passivamente, il degrado, le vessazioni, la scomparsa dei valori, dell’etica, ne accettano di fatto la deriva.

Questo principio può essere usato anche per il comportamento delle donne vittime di stalking, immobili, remissive, rinunciatarie, noncuranti, che si deresponsabilizzano di fronte alle scelte.

Il principio della rana bollita: immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda, nel quale nuota tranquillamente una rana. Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano.

Presto l’acqua diventa tiepida. La rana la trova piuttosto gradevole. La temperatura sale. Adesso l’acqua è calda, un po’ più di quanto la rana non apprezzi. La rana si scalda un po’ tuttavia non si spaventa. Adesso l’acqua è davvero troppo calda, e la rana la trova molto sgradevole. Ma si è indebolita, e non ha la forza di reagire. La rana non ha la forza di reagire, dunque sopporta. Sopporta e non fa nulla per salvarsi. La temperatura sale ancora, e la rana, semplicemente, finisce morta bollita. Ma se l’acqua fosse stata già bollente, la rana non ci si sarebbe mai immersa, avrebbe dato un forte colpo di zampa per salvarsi.

Ciò significa che quando un cambiamento viene effettuato in maniera sufficientemente lenta e graduale non suscita nessuna reazione, nessuna opposizione.

Come si difendono gli abitanti del capoluogo piemontese, invaso dai topi d’appartamento? Fortunatamente non con mezzi propri (solo il 2% ha dichiarato di volersi difendere da solo), ma principalmente rafforzando i dispositivi di sicurezza di porte e finestre (30%), o installando impianti d’allarme (28%). Il 12% ha deciso di stipulare una polizza che risarcisca i danni subiti mentre il 6% decide di affidarsi alla guardia di un cane. Ancora troppo pochi tuttavia hanno deciso di tutelarsi rispetto alla gravità della situazione: quasi un torinese su 2 infatti (42%) ha ammesso di non aver provveduto ad adottare alcun metodo per proteggere la propria casa, lasciandola così in balìa di chi, magari nella notte, potrà intrufolarsi senza troppa fatica.

Come vedi, la “Sindrome della Rana Bollita”… non riguarda solo le rane!

Come si può capre dalla storia della povera rana non puoi continuare a vivere tranquillo nella tua abitazione aspettano che prima o poi qualcuno la svaligi o peggio ancora possa entrare di notte e fare del male a te ai tuoi cari.

Proteggere la tua casa e i tuoi cari in modo semplice e sicuro è indispensabile, ti spiego come è possibile:

Security Class è il primo appuntamento di consulenza specializzato nella Sicurezza del tuo Ambiente che, a differenza dei classici sopralluoghi, ti consegna la Classe di Sicurezza dell’ambiente che ti rende immediatamente consapevole di cosa conviene e NON conviene fare per rendere più sicuro il luogo da proteggere.

Nessun altra azienda specializzata in impianti di sicurezza ti consegna GRATUITAMENTE la Classe di Rischio nell’appuntamento, e questo per il cliente significa evitare il rischio di investire in un Sistema di sicurezza più costoso del dovuto o che lascia punti scoperti che si trasformano in opportunità per i ladri.

Informazioni sull’appuntamento:

  • In cosa consiste? E’ un incontro personalizzato di circa 40 minuti che tiene uno specialista certificato di Piu Sicurezza direttamente con il cliente interessato al sistema di sicurezza.
  • Dove si svolge? Nel luogo dove deve essere installato il sistema perché è necessario il sopralluogo fisico per rilevale gli elementi indispensabili al rilascio della classe di rischio.
  • Chi deve essere presente? Tutte le persone che posso influire sulla decisione dell’ acquisto del sistema di sicurezza .
  • A cosa serve? Serve per visionare il sito da proteggere e rispondere a tutte le domande necessarie e a capire il grado di rischio e se è la soluzione giusta per te. In caso contrario alla fine dell’appuntamento emergerà chiaramente, e NON verrà consigliato di proseguire.
  • Di cosa si parlerà? Si parlerà della tua sicurezza, dei tuo obiettivi. Inoltre verrà fatto un quadro completo di cosa puoi ottenere utilizzando la classe di rischio evitando di essere in balia di un venditore che proverà a venderti più cose possibili.
  • E’ vincolante farlo? Si, non è possibile accedere al sistema di Più Sicurezza senza aver fatto l’Appuntamento Security Class. Perché avere un preventivo senza sopralluogo e classe di rischio e come farsi operare al cuore senza la visita preventiva del cardiologo.
  • Perché? Perché Security Class e il primo appuntamento con sopralluogo che ti comunica la classe di rischio e garantisce la protezione del sito protetto per cui vogliamo assicurarci che ci siano tutti i presupposti per ottenere risultati altrimenti decidiamo di NON proseguire. Perché il sistema è garantito e se subisci un furto e non funziona ti rimborsiamo il costo del sistema acquistato.
  • Quanto costa? L’Appuntamento costa 150,00 euro ma se eseguito in Torino e provincia è gratuito.
  • E’ vincolante installare un sistema se si fa l’Appuntamento Security Class? No, anzi, l’obiettivo dell’Appuntamento è proprio quello di valutare se è il caso di installare il sistema di sicurezza.
  • Cosa succede dopo? Nell’arco di 48 ore dopo l’Appuntamento di Pre-Valutazione vi consegneremo l’esito dell’Appuntamento e se  ritemiamo che ci siano le condizioni anche la quotazione relativa al vostro caso, così da prendere una decisione riguardo il sistema.
  • Come mi sarà consegnata la quotazione? La quotazione potrà essere consegnata via mail o tramite l’appuntamento presso la nostra sede. Se ti sarà inviata via mail la soluzione sarà semplice, per le situazioni complesse è richiesto un appuntamento presso la nostra sede di circa 40 minuti dove abbiamo a disposizione gli strumenti necessari per svolgere al meglio l’appuntamento.

Come diceva Lucio Anneo Seneca (filosofo, drammaturgo e politico romano, esponente dello stoicismo)

Gli uomini non vivono, ma sono sempre in attesa di vivere: rimandano tutto al futuro.

Contattarci al 0112076956 o tramite mail: info@securityclass.it

Ciao,
Francesco Ciano